HASHTAG: #CON_QUELLO_CHE_HAI

Ogni sera, all'ora di cena, digeriti i titoli dei telegiornali, mi accerto che non vi siano altri obblighi casalinghi che mi competono e mi dirigo verso la cucina. Ci vado soprattutto per cercare qualche stuzzichino per l'aperitivo ed è a quel punto che apro dispensa e frigo... e lì si libera la mia fantasia con un fine preciso: inventare una cena. Ieri, inaspettatamente, ho scoperto che mia moglie, parigina autentica, fa più o meno la stessa cosa. Ma anziché frugare nel frigorifero o nella dispensa, apre le ante degli armadi con i tesori del suo guardaroba... e, forse mettendo mano ad un algoritmo che lei chiama “con-quello-che-hai”, crea i suoi look esclusivi.

Una volta in cucina, vago con lo sguardo, poi comincio a toccare questo e quell'altro, in cerca di ispirazione. Il mio obiettivo è scatenare la fantasia per mettere insieme una cena. Nella dispensa c'è quel mezzo pacco di pasta di Gragnano avanzata l'altro ieri, in un angolo del frigo scopro della bottarga di muggine sarda… forse ho anche della colatura di alici di Cetara e magari dei capperi di Pantelleria, da qualche parte. Basta cercare dell'olio di oliva che non manca mai e un paio di spicchi d'aglio. Ecco, ho tutto quello che mi serve, questa sera la cena è fatta: “spaghetti bottarga e colatura”, un piatto che mia moglie adora.

GARDE ROBE SOPHIEVado di là per dirglielo e la trovo davanti ad un armadio aperto, concentratissima. È talmente intenta a frugare che quasi non mi dà retta. Davanti ai suoi occhi ci sono pantaloni di tutti i tipi, bermuda, jeans, camicette di seta, abiti lunghi, corti, gonne al ginocchio, a pieghe, scozzesi, gli immancabili tubini neri e in basso una doppia o tripla fila di scarpe, con tacco 12, mezzo tacco, senza tacco, sandali, sneakers, mocassini, converse e così via.

Tira fuori dall'armadio una gonna a pieghe, una camicia a maniche larghe, una sciarpa, una borsetta PHOTO-2020-04-19-19-08-37intonata ai colori del resto e mette il tutto su un divano, con cura, con garbo, come se stesse vestendo una sua amica. Poi sceglie accuratamente delle scarpe, le accosta al resto. Manca ancora una cintura e degli indumenti intimi come reggiseno, sottoveste… e degli orecchini adatti.

La guardo sbalordito: ha fatto in camera sua esattamente ciò che io ho fatto in cucina: una precisa operazione #con_quello_che_hai.

È visibilmente soddisfatta, soprattutto perché ha ideato qualcosa di nuovo. Mi spiega che, catalogando ogni singolo capo di abbigliamento esistente nel suo guardaroba o in quello di qualsiasi altra donna di buon gusto è possibile creare un numero infinito di “insiemi” o di mises, alla francese, senza il rischio di sbagliare, di perdere tempo a provare e riprovare, di vestirsi sempre allo stesso modo. Vestire “green” e “smart” senza dover comprare “quello-che-hai” già!

I suoi occhi brillano, mi prende per mano e mi porta davanti al suo computer acceso. Sullo schermo ci sono immagini che spiegano tutto. Ha fotografato ogni cosa che ha in armadi e cassetti. Centinaia di schede con elementi componibili con un semplice clic: abito+soprabito+scarpe+cappello+guanti… tutti i possibili accoppiamenti e tutti perfettamente compatibili tra loro.

PHOTO-2020-04-19-19-11-20Ha già creato un sistema, forse si è servita davvero di un algoritmo, oppure ha inventato una app, insomma una diavoleria per mettere su qualcosa di utilissimo per qualunque donna. Da oggi lo propone su Instagram, lo brevetterà, lo metterà in commercio, lo sfrutterà sicuramente in qualche modo. In ogni modo: geniale!

Me ne torno in cucina. E se provassi anche io a fare la stessa con avanzi di pasta, barattoli di pomodori, scatolette di alici sotto sale, tonno sott'olio, avanzi di insalata, piselli sgranati, formaggi caprini…?

Non lo so, ma non mi sembra bello copiare.   

Letto 1012 volte Ultima modifica il Lunedì, 20 Aprile 2020
Vota questo articolo
(2 Voti)
Bepi Marzulli

Barese di nascita, studi superiori a Torino e Roma, la sua città di adozione, Bepi Marzulli è iscritto all'Albo dei Giornalisti dal 1977. Le origini familiari, radicate nell'imprenditiorialità di cinema e teatro, gli hanno consentito, giovane studente universitario, di accostarsi al mondo dell'editoria scrivendo numerosi soggetti e sceneggiature per la più importante casa editrice di fotoromanzi, la Lancio, di cui, anni dopo, è stato Direttore Generale. Ha lavorato per molti anni a Parigi, a capo della Rusconi France, dirigendo riviste di moda come Femme e Mariages, di arredamento, Décoration Internationale, e di archeologia come L'Archéologue e Archéologie Nouvelle

Tornato a lavorare in Italia, ha creato e dirige da oltre vent'anni Axioma, una società di outsourcing editoriale che produce periodici e contenuti giornalistici per Editori come Mondadori, Rizzoli Rcs, Cairo. Collabora con varie testate, scrivendo di vari argomenti tra cui enigmistica e gastronomia.

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.